Per saperne di più

Come eliminare la puzza di muffa dalle pellicce

Prendersi cura nel modo più corretto di una pelliccia con una buona manutenzione è l’unico modo per garantirle di durare a lungo nel tempo. La soluzione migliore è ovviamente quella di contattare uno specialista del settore come Elpidio Loffredo che si avvalga di materiali e prodotti professionali per il trattamento del pelo in laboratori professionali. Tuttavia esistono alcuni procedimenti casalinghi preventivi e conservativi che si possono eseguire in autonomia per evitare che le nostre pellicce perdano di lucentezza o puzzino di muffa.

Innanzitutto, per evitare spiacevoli odori di muffa una pelliccia dovrebbe sempre essere appesa nel modo corretto: un grande e morbido appendiabiti imbottito evita anche che possa perdere la forma originale sulle spalle o che si comprima addosso ad altri capi. Mai rinchiudere per lunghi periodi la pelliccia in sacchi in vinile per abiti con chiusura ermetica o cassettoni: questo impedisce infatti alla pelliccia di respirare correttamente permettendo alle muffe e ai cattivi odori di svilupparsi facilmente.

Rimedi casalinghi per eliminare la puzza di muffa dalle pellicce facilmente

Tra i rimedi casalinghi più conosciuti ed efficaci per eliminare la puzza di muffa dalle pellicce, quelli della nonna sono senza dubbio i più semplici ma indicati sin dalla notte dei tempi. Alleato fondamentale: il caffè. Ecco la procedura più efficace:

  1. attrezzarsi di una sacca per abiti in vinile con chiusura ermetica totale e appendere al suo interno la pelliccia su una gruccia ampia, morbida e imbottita;
  2. riempire un sacchettino o piccolo contenitore con del caffè macinato (almeno 100 grammi) senza chiuderlo e riporlo sul fondo della sacca per abiti;
  3. chiudere ermeticamente la sacca per abiti contenente la pelliccia e lasciare che l’odore venga completamente assorbito;
  4. controllare quotidianamente la situazione e tenere monitorato scrupolosamente fino a quando l’odore sarà completamente scomparso;
  5. eliminati i cattivi odori di muffa, estrarre la pelliccia dalla sacca per abiti in vinile facendola arieggiare correttamente e poi riporla nel modo più adeguato per conservarla al meglio fino al prossimo inverno.

Prevenzione contro i cattivi e antipatici odori della muffa

Per evitare che durante i lunghi periodi di riposo la puzza di muffa si impossessi delle nostre pellicce, basterà seguire scrupolosamente pochi e facili accorgimenti: semplici consigli preventivi e di buona conservazione nei mesi più caldi e autunnali aiuteranno infatti i nostri preziosi capi a mantenersi belli e lucenti e soprattutto senza cattivi odori.

  • La temperatura più adatta di conservazione è intorno ai 7°.
  • Scegliere un luogo buio, fresco e asciutto come una zona riparata dell’armadio lontana dall’aria eccessiva di qualche finestra.
  • Meglio evitare la vicinanza a fonti di calore per evitare di seccare le pelle.
  • Non ripiegare mai la pelliccia per riporla in cassettoni e appenderla lontana dagli altri capi in modo da farla respirare.
  • Evitare quanto più possibile armadi in cedro perché l’olio particolare di questo legno può danneggiare la pelliccia.
  • Pulire tutte le pellicce pettinandole con un pettine adeguato: seguendo il verso del pelo e dall’alto verso il basso, ripetere l’operazione almeno un paio di volte all’anno per eliminare residui di polvere e aiutarle a mantenere un aspetto ordinato e privo di cattivi odori. Ci sono pellicce che prevedono una manutenzione particolare, come la pelliccia di astrakan: in quel caso utilizzare un tampone apposito per evitare qualsiasi danneggiamento.