differenza zibellino e visone
Per saperne di più

Differenza tra zibellino e visone

Lo zibellino e il visone sono due mammiferi di piccola taglia, dalle caratteristiche morfologiche simili, appartenenti alla famiglia Mustelidae che si divide in altri 3 gruppi: le varietà europea, americana e sable.

A seconda della specie, questi animali roditori si differenziano per dimensioni, peso e abitudini, ma sono accomunati dal loro manto di valore che viene utilizzato per la produzione di pellicce e accessori di lusso. Andiamo ora a conoscere tutte le differenze più salienti tra questi diversi mammiferi.

Il visone europeo

Si tratta di un mammifero simile ad un furetto piuttosto piccolo, di 30-45 cm, pesa circa un kg ed ha un corpo fluttuante. La caratteristica saliente del visone è che rimane per la maggior parte del tempo in acqua e nuota per cacciare le sue prede: nonostante questo la sua pelliccia rimane asciutta anche dopo molte ore.

Viene chiamato europeo per differenziarlo da quello americano, ma si trova specialmente nelle steppe russe, vicino ai monti Urali, ed è in via d’estinzione. La pelliccia di visone viene molto apprezzata per le qualità di morbidezza e di impermeabilità.

Il visone americano

Vive all’interno delle zone montuose interne americane ed è più grosso del visone europeo. Mentre il primo assomiglia più ad un furetto, questo ha le caratteristiche simili ad un procione, con un corpo piuttosto lungo e affusolato. Può arrivare ai 2 kg e vive per la maggior parte del tempo in acqua, quindi è un ottimo nuotatore.

Lo zibellino

Lo zibellino è tra i mammiferi più grandi della famiglia delle donnole: può raggiungere i 60 cm, con una coda lunga anche 20 cm. Vive soprattutto nelle steppe russe dei monti Urali, nelle zone più impervie, per questo è piuttosto raro e la sua pelliccia è costosa e di valore.

Oggi, nello specifico, sono davvero pochi gli esemplari selvaggi in natura perché anche lo zibellino, come il visone, è stato addomesticato e viene allevato dall’uomo da centinaia di anni. A differenza della specie di visone appena descritta, lo zibellino conduce una vita terrestre e ama salire sugli alberi, al cui interno scava il nido per i cuccioli e per ripararsi in inverno.

La pelliccia di zibellino molto morbida e setosa, più lucente del visone che invece ha un sotto-pelo molto denso e spesso. Il visone, sia americano che russo, invece, ha un pelo più impermeabile perché vive più a contatto con l’acqua.

La differenza tra zibellino e visone

Oltre alle analogie e alle differenze appena descritte, è importante citare la caratteristica che li diversifica a primo impatto: lo zibellino ha un colore omogeneo che non presenta macchie bianche sul muso, oltre ad essere considerevolmente più grande.

Storicamente, sono mammiferi predatori che vivono a contatto con l’uomo da moltissimi anni: ne documentano la presenza domestica numerosi dipinti del Rinascimento, tra cui un ritratto di Leonardo da Vinci.

Un’altra differenza tra zibellino e visone è l’alimentazione, mentre il primo si nutre di insetti e piccoli erbivori, il secondo caccia anche rane e pesci.

La produzione commerciale per il visone e lo zibellino

Il visone è allevato in larga misura, mentre si può dire che lo zibellino rimane un mammifero roditore più raro e la sua pelliccia è la più preziosa tra tutte le specie di donnole.

Morbida e setosa, è caratterizzata da un color marrone/cioccolato con punte più chiare, una sfumatura brizzolata/brinata che la distingue dalle altre. Sia lo zibellino americano/canadese che il russo sobol sono specie molto rare, ora protette.

Per questo motivo le pellicce di zibellino (come quelle del suo parente ermellino) sono beni di lusso che vengono utilizzati come valori preziosi di investimento.