Pellicce

Pellicce pregiate: nomi e caratteristiche

Da risorse fondamentali contro il freddo per i nostri antenati a capi esclusivi e preziosi per la moda dei nostri giorni: il termine pelliccia indica il manto ricoperto di peli più o meno lunghi di alcune specie di mammiferi; ognuno con le sue caratteristiche distintive, che vanno dalla lunghezza e consistenza del pelo, passando dalle tonalità di colore e arrivando alla capacità di resistenza all’uso.

Pellicce pregiate: quali sono

Nel linguaggio tecnico del settore della pellicceria, la classificazione si dice grading, il pelo alto delle pellicce è il long nap, mentre il pelo corto è lo short nap. Questi sono i termini principalmente più usati quando si tratta di descrivere le qualità e il livello di pregio di una pelliccia. Ma quali sono le pelli da pellicceria più pregiate? Andiamo ad elencarle:

Caratteristiche delle pellicce pregiate

Castoro/Beaver: una delle prime pelli in vendita in un’asta di pellicceria

Sicuramente non tra le più pregiate, ma una delle pelli più antiche al mondo nel settore della pellicceria; la pelliccia del castoro è short nap, impermeabile, folta e molto soffice. I colori vanno dal nero al grigio passando dal rossastro.

Zibellino: le pellicce più pregiate del mondo

Grazie alle sue caratteristiche e peculiarità, quella dello zibellino è senza dubbio una delle pelli più rinomate e costose; calore, leggerezza e toni molto naturali, il folto pelo dello zibellino è estremamente morbido e setoso. La pelliccia dello zibellino russo, o Sobol, è in assoluto la più preziosa al mondo.

Volpe: le pellicce alla moda

Una delle più conosciute e indossate, la pelliccia di volpe deve il suo successo a caratteristiche ben precise: pelo long nap molto soffice e setoso e colori brillanti e luminosi, dovuti ovviamente alla tipologia di volpe di appartenenza. Le più vendute e rinomate sono le pellicce di volpe argentata/silver fox, volpe della Groenladia/blue fox, volpe rossa/red fox.

Lince: lavorazioni accurate

Tra le varie pelli di lince, la più pregiata è quella russa: grazie a una accurata e scrupolosa lavorazione vengono scartate le parti più scure del manto (su dorso e fianchi) per poter utilizzare solo la rimanente parte bianca punteggiata della pancia.

Visone: instancabile evergreen

Che si tratti di accessori o giacche, la pelliccia di visone è sicuramente una delle più apprezzate e utilizzate da sempre dalle donne; pelo short nap lucido e brillante, liscio e con una buona durata nel tempo, tonalità di colore che vanno dal bruno chiaro quasi fulvo, al marrone molto scuro. Gli allevamenti di visone più pregiati, i visoni Black Glama, si trovano in Canada.

Cincillà: lusso elegante e delicato

Una pelliccia di cincillà è una capo esclusivo e decisamente non per tutti: pelo ultra morbidissimo e brillante dal colore pieno di sfumature bianco & nero, la pelliccia di cincillà è delicatissima per via del suo manto davvero molto sottile.

Ermellino: la pelliccia dei nobili

L’ermellino ha una pelliccia molto pregiata che in passato veniva utilizzata soprattutto per impreziosire i mantelli di nobili e monarchi. Splendida e raffinata pelliccia short nap soprattutto nella elegantissima variante bianca, ha più comunemente tonalità rosso-bruno.

Astrakan: eleganza stile anni Novanta

Deriva dalla lavorazione delle pelli del karakul, pecora originaria dell’Asia Centrale. Manto nero scurissimo, pelo short nap molto fine, morbido, lucido e leggermente ondulato; la pelliccia di astrakan è attualmente richiestissima sul mercato italiano dopo essere tornata di gran moda negli anni Novanta.